• Gazzetta del Landi

LA NATO

La NATO, o North Atlantic Treaty Organization, è un’organizzazione internazionale che ha come scopo la cooperazione e la difesa degli stati membri al fine di collaborare per risolvere pacificamente le crisi internazionali. Nel caso in cui la via della collaborazione dovesse fallire, tale alleanza contribuisce con soldati e risorse per intraprendere missioni militari per la risoluzione di eventuali minacce.

Essa nasce negli anni successivi alla Seconda Guerra Mondiale. Durante questo periodo il mondo era diviso in due blocchi spartiti tra le due vincitrici del conflitto: il blocco occidentale, guidato dagli Usa, e quello orientale guidato dall’Unione Sovietica. Queste due potenze si sfidarono per la supremazia globale e sia arrivò ad un passo dallo scoppio di una nuova guerra mondiale. Fortunatamente non si giunse mai ad un diretto scontro armato e per questo si è parlato di Guerra Fredda.

Questi due blocchi in cui era spartito il mondo temevano che, prima o poi, l’uno avrebbe attaccato l’altro e così il 4 aprile 1949 le principali nazioni occidentali firmarono presso Washington il Trattato del Nord Atlantico, cioè un’alleanza sotto la guida degli Stati Uniti, che creava un blocco compatto contro le eventuali aggressioni dei nemici.

I paesi fondatori sono 12: Stati Uniti, Regno Unito, Italia, Francia, Danimarca, Canada, Belgio, Paesi Bassi, Norvegia, Islanda, Lussemburgo e Portogallo.

La Nato attualmente ha sede a Bruxelles e conta 30 membri che si occupano di mantenere la sicurezza delle Nazioni che ne fanno parte: infatti se uno stato membro venisse attaccato, i membri della Nato possono reagire. Allo stesso tempo però si impegna anche in missioni per il mantenimento della pace.

L’organo supremo della NATO è il Consiglio Atlantico che comprende i rappresentanti dei paesi membri ed è diretto da un Segretario generale. Accanto a questo organo vi è il Comitato Militare, formato dai Capi di Stato delle forze armate di tutti gli stati membri.

L’articolo cardine di tale alleanza è il numero 5, quello che stabilisce una difesa reciproca tra gli stati della NATO nel caso di un attacco da parte di un nemico esterno all’organizzazione.

Dopo la caduta dell’URSS, la NATO cominciò ad allargarsi verso est. Nel 1999 entrarono Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria; nel 2004 Bulgaria, Estonia, Lettonia, Lituania Romania, Slovacchia e Slovenia; nel 2009 Albania e Croazia; nel 2017 il Montenegro e nel 2020 la Macedonia del Nord. Parallelamente all’allargamento verso est la NATO si è cercato un dialogo diretto con la Federazione Russa e ci sono stati anche momenti di cooperazione come ad esempio il NATO-Russian Council del 2002.

Ci sono stati però anche momenti di forte tensione a partire dal 2008 dopo l’intervento russo in Georgia, fino all’annessione della Crimea da parte di Mosca, e alla guerra Russia-Ucraina di oggi.


Articolo di Riccardo Ciriaci (4C) e Edoardo Antonelli (4C)



6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti